Dallo “storyboard” all’intervista su TeleGenova: il racconto di un “viaggio inaspettato” con il DIBRIS Unige

Introduzione

Stavo tornando dalle vacanze di Natale in Sicilia quando l’amico Luca Lavagetto di Telegenova, mi ha proposto un’invervista per raccontare il “viaggio inaspettato” che ho intrapreso durante il periodo pandemico con il prof. Giorgio Delzanno del DIBRIS.

Di seguito presento l’intervista integrale registrata in diretta su Telegenova il 3 Febbraio in contrapposizione alla traccia che avevamo preparato per raccontare gli argomenti…

Dalle differenze, potrete capire quanto è lontana la fase di progettazione dal racconto in diretta di fronte alla telecamera…

Sono rimaste ancora tante cose da dire… è probabile che presto torneremo in trasmissione, stay tuned!

Intervista Telegenova 3 Febbraio

Storyboard intervista Telegenova 3 Febbraio

Dati per Cronista:

· Dati Delzanno Giorgio, Professore di Informatica presso il Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dei Sistemi dell’Università di Genova, Coordinatore del Dottorato di Informatica ed Ingegneria dei Sistemi e Presidente della Commissione Scientifica del Gruppo Italiano di Informatica (GRIN)

· Dati Luca Gelati, Ingegnere Gestionale Dottore in Scienze Motorie, Formatore Esperienziale di Teambuilding Aziendale, Consulente della didattica Innovativa Unige

Domanda 1 per Giorgio: di cosa si occupa il DIBRIS?

sottotitolo: UNIGE – DIBRIS Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dei Sistemi

Traccia Video: https://youtu.be/Cr0ybxPt_JE

Istituito nel maggio 2012, il DIBRIS è un dipartimento universitario le cui attività di ricerca e formazione poggiano sui settori delle scienze e tecnologie Informatiche, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dei Sistemi. La missione del DIBRIS è promuovere e facilitare la creazione (ricerca), la trasmissione (didattica) e lo sfruttamento (trasferimento tecnologico) della conoscenza a livello nazionale e internazionale in tali ambiti. Una peculiarità del nostro dipartimento è quella di coniugare competenze scientifiche nell’ambito sia della Scuola Politecnica che della Scuola di Scienze MFN oltre ad avere sedi dislocate tra Genova e Savona e coprire esigenze didattiche anche nel Polo di La Spezia.

Domanda 1.2  per Giorgio: Informatica è un termine spesso abusato. Può dirci qualcosa di più?

sottotitolo: L’INFORMATICA è INTORNO A NOI

L’informatica, una disciplina che mi ha sempre affascinato,  è una scienza decisamente giovane
(il termine Informatica è stato introdotto nel  1962) che si occupa dei sistemi e processi computazionali e del trattamento automatico dell’informazione. Nonostante l’età, ad oggi il nostro settore conta in Italia più di 1000 docenti e ricercatori universitari ed è un campo in espansione. Tra gli ambiti più attuali menzioniamo intelligenza artificiale, data analytics,  cybersicurezza e trasformazione digitale, tutti  temi su cui la nostra Università è fortemente impegnata ad esempio in progetti PNRR come RAISE. 

Domanda 1.3  per Giorgio: Ma quindi lei si occupa di I.A. e sicurezza?

sottotitolo: L’INFORMATICA, L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE, LA SICUREZZA E I BIG DATA

In realtà nella mia ricerca mi sono sempre occupato di modellazione e validazione, anche con l’aiuto di strumenti basati su ragionamento automatico una corrente di I.A., di protocolli e  sistemi distribuiti.
Da qualche anno, “crescendo o invecchiando” per così dire, ho iniziato ad interessarmi anche a formazione di competenze digitali per cittadini ed insegnanti  e di applicazioni (anche basate su I.A.) nell’ambito dell’Internet delle Cose e dei Big Data con  collaborazioni industriali sempre più frequenti (vedi progetto RAISE). Nel dottorato di cui sono attualmente coordinatore chiaramente I.A. e sicurezza sono temi di grande interesse.

Domanda 1 per Luca: di cosa si occupa Edutainment Formula?

sottotitolo: EDUTAINMENT FORMULA – Teambuilding per lo sviluppo delle Soft Skill

Traccia Video: https://youtu.be/ZGinHVzT9VI , https://youtu.be/6H7qkmJLDyw 

Edutainment Formula è la mia impresa individuale, che ho fondato dopo oltre 15 anni di esperienza come Training Manager in Piaggio Aerospace. Il mio obiettivo è stato fin da subito concentrarmi sulla formazione esperienziale per permettere ai dipendenti ed ai manager aziendali di svolgere delle attività di Teambuilding finalizzate a migliorare attraverso lo sviluppo delle competenze trasversali, le cosiddette soft skill:  il clima, il processo e soprattutto la produttività nei gruppi di lavoro in Azienda.

Domanda 1.2 per Luca: ma cos’è il Teambuilding?

sottotitolo: EDUTAINMENT FORMULA – WWW.EDUTAINMENTFORMULA.COM

Traccia Video: https://youtu.be/ZGinHVzT9VI , https://youtu.be/6H7qkmJLDyw 

Il team building nell’ambito delle risorse umane, costituisce un insieme di attività formative, che puntano a far uscire i manager o i dipendenti al di fuori della propria zona di confort ed affrontare difficoltà in contesti non convenzionali per permettere al gruppo di lavoro di migliorare la propria comunicazione, di mediazione, di adattamento e di problem solving. 

Le attività di teambuilding in genere si svolgono in barca o all’interno di un bosco. Ad esempio sul Forte Ratti ho portato con i contest di Survival Games, il gruppo dirigenziale di realtà come Autogrill, Penny Market, Ferrero e Porche Consulting 

Domanda 1.3 per Luca: ma… Edutainment Formula cosa ha a che fare con il DIBRIS?

sottotitolo: EDUTAINMENT FORMULA – WWW.EDUTAINMENTFORMULA.COM

Traccia Video: https://youtu.be/GZQGciTZpOg

bene per rispondere devo andare indietro nel 2018 quando ho avuto una richiesta da cisco europa per organizzare al lago maggiore una caccia al tesoro tecnologica per i suoi 150 dipendenti. 

Per me era il primo grande evento congressuale con una multinazionale così importante e naturalmente volevo sfruttare al massimo l’occasione, quindi ho scritto le specifiche di un gioco ispirandomi all’orienteering ed al problema matematico del commesso viaggiatore.

vista la difficoltà di realizzare l’idea, subito sembrava che dovessi rinunciare all’opportunità, però tramite un progetto sviluppato per la scuola gioiosa di bavari, ho incontrato quasi per caso il Prof. Delzanno e di fronte alla macchina del caffè ho chiesto se poteva esserci qualche studente tra i suoi talenti del DIBRIS in grado di realizzare questa applicazione…

Domanda 2 per Giorgio: e poi cosa è successo?

sottotitolo: SLOW ROGAINING – ATTIVITA’ DI ORIENTAMENTO ALL’INFORMATICA 2023

Traccia Video:  https://youtu.be/Cr0ybxPt_JE

Dopo i primi incontri incentrati sullo sviluppo dell’app, conoscendo meglio le diverse attività di Luca  anche come educatore, abbiamo iniziato ad intravedere la possibilità di riformulare in ambito universitario alcune delle esperienze di Team Building basate su gamification, es. gare di orienteering e cacce al tesoro,  spostando  il focus verso i nostri obiettivi formativi.  Da queste riflessioni è nata la prima edizione di Slow Rogaining, un evento di orienteering organizzato durante lo stage annuale per studenti della scuola secondaria di secondo grado  nel campus di Valletta Puggia. Oltre ad aspetti legati al Team Building, ogni tappa è stata organizzata come mini attività su vari temi di informatica proposta da studenti del corso di laurea (allenando soft skill anche di studenti universitari).  

Domanda 2 per Luca: Ma alla fine poi ne avete fatte di cacce al tesoro a Genova?

sottotitolo: SMART ROGAINING – CACCIA AL TESORO TECNOLOGICA IN CITTA’

Traccia Video: http://www.fbr60.com/

Si certo! Il Prof. Delzanno mi aveva messo in contatto con moltissimi talenti del Dibris, in particolare con Angelo Ferrando e Vincenzo Petito. Con loro ho iniziato a produrre, testare e collaudare nuovi scenari di gioco interattivo, per accogliere al massimo le prospettive che il mercato della formazione esperienziale in presenza offriva alle soglie del 2018.

Dopo un evento molto ben riuscito, tra le creuze di Camogli con Costa Crociere, poi però la pandemia ha bloccato tutto per due anni… 

Non potevamo più incontrarci in città, e con lo smart working le aziende avevano ben altri pensieri e preoccupazioni che creare occasioni di teambuilding aziendale, quindi la webapp Smart Rogaining è stata messa in soffitta per tutto il tempo della pandemia.

Per le cacce al tesoro tecnologiche dobbiamo quindi aspettare la primavera 2022 con l’evento organizzato dall’Internet Festival di Pisa, di Poltrone Sofà a Milano…

A Genova, abbiamo ripreso a navigare per la città con la scuola SOSMSE del Dip di Fisica dell’Uni di Genova, poi con il  compleanno di Francesco Berti Riboli, ed infine con la caccia al tesoro “magie d’inverno” organizzata dal Comune di Genova nel centro storico della nostra città.

Ed  ora ci sono grossi progetti in corso sia a Milano, in Piemonte con diverse iniziative private che con Regione Liguria dove ho trovato un interesse per realizzare qualcosa di veramente molto bello, ma di questo non posso ancora dire nulla.

Approfondimento per Luca: Ma racconta un pò come funziona questa caccia al tesoro tecnologica?

sottotitolo: SMART ROGAINING – CACCIA AL TESORO TECNOLOGICA IN CITTA’

Traccia Video: http://www.fbr60.com/

In questa caccia al tesoro si gioca a squadre. Quando gli utenti, si connettono alla web-app Smart Rogaining con il proprio telefonino vedono tutti i punti di controllo della città. Per ogni punto di controllo gli utenti oltre alla posizione sulla mappa, hanno una fotografia, un punteggio associato (che proporzionale alla difficoltà per raggiungerlo) ed una scena che il gruppo deve interpretare e fotografare per acquisire il punteggio pieno. 

Quando la squadra arriva nel punto di controllo fa la foto e la manda al game admin. Il game admin assegna punteggio pieno se la foto inoltrata è nel posto giusto con la scena corretta, metà punteggio se la foto è nel posto giusto ma la scena sbagliata. Se il posto è sbagliato nessun punto. 

Inoltre, durante la caccia al tesoro per la città, le squadre devono sempre stare attente perchè ricevono quiz a risposta multipla su temi scelti dall’organizzatore. Anche in questo caso i team acquisiscono punti solo se rispondono correttamente.

Alla fine vince chi fa più punti, ma in effetti vincono tutti perchè in questo modo le persone che hanno giocato hanno scoperto angoli nascosti della propria città o riscoprono giochi di strada che il tempo e la frenesia di tutti i giorni li aveva fatti dimenticare…

Domanda 3 per Giorgio: Quindi scusate in questi anni di pandemia in realtà non avete fatto nulla o avete collaborato?

sottotitolo: ITALIAN CODING LEAGUE – www.coding.dibris.unige.it

Traccia Video: https://youtu.be/Ur6qfEzpFcU , https://www.youtube.com/watch?v=Q5m-unFSvSw

· In realtà non è proprio così. Durante la pandemia abbiamo pensato ad un format di Team Building online tramite la piattaforma  Smart Oca  ispirata appunto al gioco dell’oca. La piattaforma permette a più team di partecipare simultaneamente ad un gioco con domande ed esercizi anche con collegamento da remoto. Questa piattaforma è stata pensata per proporre contenuti di introduzione all’informatica anche da remoto e quindi raggiungendo tante classi simultaneamente in maniera coinvolgente (il brivido della gara appunto). Dopo alcuni esperimenti con laboratori digitali al Festival della Scienza, abbiamo proposto a livello nazionale una gara sui concetti di base della programmazione per scuole secondarie di primo grado chiamata Italian Coding League e svolta online in due edizioni nel 2021 e 2022 con più di 600 partecipanti. Tutte queste iniziative sono state descritte in alcune pubblicazioni scientifiche presentate alle conferenze Didamatica ed Helmeto e nella rivista internazionale Frontiers in Education.

Approfondimento Giorgio: Entriamo nello specifico di Italian Coding League volevamo sapere qualcosa di più in proposito … sono previste altre edizioni?

SOTTOTITOLO: ITALIAN CODING LEAGUE – www.coding.dibris.unige.it

Traccia Video: https://youtu.be/R4X-iF5Paqw , https://youtu.be/PQDvDpdH3Rg

Stiamo valutando la possibilità di organizzare l’edizione 2023 in collaborazione con Internet Festival di Pisa e Festival della Scienza di Genova dove da più di 10 anni organizziamo laboratori di coding con 2000 partecipanti in media per anno nelle edizioni in presenza.

Domanda 3 per Luca: · Mi sembra di aver capito che quindi voi tendete a far “giocare” i vostri interlocutori

SOTTOTITOLO: SERIOUS GAMES E LA GAMIFICATION

Traccia Video: https://www.youtube.com/watch?v=0vT42gV5o4E , https://youtu.be/t15UWrJj9fA

si si i nostri utenti giocano ed imparano divertendosi a tutte le età! la metodologia e le leve motivazionali della gamification in effetti funzionano sia con i bambini in età pre-scolare, sia con gli studenti o i dirigenti aziendali, da un lato attiviamo entusiasmo, energia e coinvolgimento dall’altro stimoliamo sia l’apprendimento di materie specifiche (dal coding, ai temi dell’agenda 2030) le cosiddette hard skill che la presa di coscienza delle proprie competenze trasversali, le cosiddette soft skill per migliorare la relazione con gli altri ed imparare a fare gioco di squadra sia nel lavoro che nella vita privata.

Ad esempio nell’italian coding league abbiamo coinvolto oltre 30 scuole da tutta italia, proprio nel periodo in cui non ci si poteva incontrare, ed abbiamo fornito una grande emozione a studenti e professori, ma anche una grande opportunità per misurarsi sulle tematiche del coding, del pensiero computazionale e del teambuilding.

Approfondimento Luca: Quindi un nuovo modo interattivo di apprendere dei contenuti?

SOTTOTITOLO: SERIOUS GAMES E LA GAMIFICATION

Traccia Video: https://www.youtube.com/watch?v=-9PO2Nh19PM&t=67s

si è proprio così! Provo a spiegare come funziona, poi eventualmente possiamo anche provare…

Quando tutti gli utenti si sono connessi in modalità singola o di gruppo su Smart OCA atterrano sulla prima casella con la propria icona. Come prima cosa ricevono un breve video introduttivo sull’argomento, poi dei quiz a risposta multipla a cui si deve rispondere prima che scada il tempo. Se si risponde correttamente si acquistano punti, se si sbaglia no… ma in ogni caso chi gioca ha dato attenzione all’argomento, si è impegnato a rispondere ed anche se ha sbagliato ha imparato dal proprio errore. E tutto in pochissimi secondi. Il ritmo incalzante in cui si susseguono video, quiz e task impone al singolo ed alle squadre che sono in competizione a mantenere alta l’attenzione, un pò come avviene nei processi pubblicitari sui social network, ma in questo caso con l’effetto collaterale al divertimento dell’apprendimento.

Approfondimento Luca: ma quindi, quali materie si potrebbero apprendere con smart oca?

sottotitolo: SMART OCA – Video Quiz Game 

Traccia Video: https://youtu.be/0gDwkmUai9g

Basta impostare un tema grafico accattivante, scegliere dei video su you tube, preparare delle domande divertenti e la piattaforma di gioco può coinvolgere nel processo di gamification studenti su coding, storia o latino, o dirigenti su assi aziendali i procedure di qualità da memorizzare…

Oppure potrebbe anche coinvolgere tifosi di una squadra il pre-partita per offrire un’occasione di confronto con la storia della propria squadra del cuore…

Approfondimento Luca: ma a quale squadra di riferisci?

sottotitolo: SMART OCA – Video Quiz Game 

Traccia Video: Smart Genoa

al Genoa naturalmente. Con Luca Canfora  ho realizzato una demo che ha l’obiettivo di raccontare le emozioni del libro “una vita da genoano” in una versione gamificata su Smart-OCa ed incorniciata dalla grafica di Luca Sonnati. Se vogliamo possiamo anche giocarci in diretta…

Domanda 4 per Giorgio: : Grazie luca, magari possiamo preparare un approfondimento dedicata per questo. ora vorrei tornare al DIBRIS, mi dica prof. Delzanno, che appuntamenti ha il DIBRIS con i propri studenti nei prossimi mesi?

sottotitolo: SLOW ROGAINING – ATTIVITA’ DI ORIENTAMENTO ALL’INFORMATICA 2023

Traccia Video:  https://youtu.be/Cr0ybxPt_JEStiamo preparando lo stage di orientamento per le scuole secondarie con una nuova edizione di Slow Rogaining. Nostri colleghi e studenti stanno progettando laboratori interessanti e divertenti da proporre ai 150 studenti che ospiteremo nella nostra sede dal 6 al 10 febbraio 2023. Insieme a Luca pensiamo che questo formato potrebbe essere vincente anche per un taglio diverso per eventi di match tra studenti e aziende, mettendo alla prova rappresentati delle aziende nelle tappe dei nostri studenti! Passata l’emergenza pandemia si stanno riaprendo tanti scenari interessanti anche per le attività con Luca. Venite a trovarci con la vostra troupe a febbraio (… e forza Genoa ovviamente!)

Luca Gelati

Luca Gelati

Ingegnere gestionale, Project Manager, Soft Skills LifeLong Learning Specialist, Master Trainer & Event Planner, fondatore di Edutainment Formula